Avast Antivirus: consigli per l’uso (# 1).

avast_logo_02

Avast Antivirus è uno dei migliori programmi di protezione gratuiti in circolazione. La politica commerciale degli autori di questo software consiste nel proporre agli utilizzatori della versione gratuita l’aggiornamento alla versione a pagamento, che offre funzionalità di protezione più complete. Ma la versione gratuita offre già un livello di protezione adeguato per la maggior parte degli utilizzatori, senza alcun obbligo di acquisto né scadenza del software.

Il problema con Avast (versione gratuita) non è tanto quello di una scarsa protezione ma semmai quello di una protezione un po’ “eccessiva”.

Ogni programma anti-virus svolge il suo lavoro monitorando in continuazione il sistema, alla ricerca di operazioni sospette o conosciute come “maligne” in base ad un archivio di virus noti mantenuto costantemente aggiornato (le cosiddette “definizioni” dei virus). Questo monitoraggio continuo inevitabilmente ha un costo in termini di performance del PC, in quanto impegna una certa parte delle risorse hardware della macchina (CPU e RAM). Quante più sono le operazioni di monitoraggio, e quanto più sono frequenti, tanto più il nostro anti-virus avrà un impatto negativo sulla velocità operativa del nostro PC.

Un punto debole di Avast, rispetto ad esempio ad alcuni anti-virus commerciali, è un comparabilmente maggiore impatto sulla performance del sistema, particolarmente sensibile se il nostro PC non è troppo recente o ben equipaggiato dal punto di vista hardware. Avast è, insomma, un anti-virus un po’ “pesante”.

Ma è un problema risolvibile. Avast infatti viene distribuito con delle impostazioni predefinite per il monitoraggio e la protezione del sistema che sono alquanto “invasive” e comprendono tutta una serie di funzioni e controlli che non sono strettamente necessari e che possono venire disattivati, alleggerendo sensibilmente il carico di lavoro e migliorando la performance del sistema.

Le impostazioni di Avast sono molto numerose e non è possibile descriverle tutte nell’ambito di un singolo articolo. Mi limiterò solo ad alcune tra le principali.

Una prima funzione di monitoraggio che può essere tranquillamente disattivata è quella relativa all’Aggiornamento Software (si trova in Impostazioni > Strumenti), tramite la quale Avast effettua il monitoraggio di tutto il software installato sul PC per verificare se necessita di aggiornamenti. È però inutile sovraccaricare il PC con questo tipo di monitoraggio, dato che molti moduli software sono già impostati per cercare da soli i propri aggiornamenti (ad es. Adobe Flash Player, Java, e molti altri): far cercare questi aggiornamenti anche ad Avast è un tipico caso di “doppione” da evitare.

Vanno poi riviste con attenzione le varie impostazioni relative alle funzioni di monitoraggio anti-virus vere e proprie, che si trovano in Impostazioni > Protezione Attiva, come si vede nella figura che segue.

Monitoring Settings 4

In questa finestra bisogna selezionare l’opzione Protezione File System > Personalizza per accedere alle funzioni di monitoraggio anti-virus in tempo reale, che sono quelle maggiormente impattanti sulla performance del nostro sistema e che vanno “alleggerite” un po’ rispetto alle impostazioni predefinite.

Nella finestra delle impostazioni di monitoraggio a mio parere va disattivata l’impostazione “Scansiona i programmi durante l’esecuzione” (attivata per default), come nella figura seguente.

Monitoring Settings 1b

Non mi sembra sia necessario scansionare un programma presente sul nostro sistema ogni volta che lo si apre, rallentandone così l’avvio. Per essere sicuri che i nostri programmi siano “puliti” è sufficiente farne la scansione manuale al momento dell’installazione.

Un’altra impostazione da disattivare è “Effettuare la scansione dei file durante la scrittura” (vedi figura).

Monitoring Settings 2b

Se siamo ragionevolmente sicuri che i nostri programmi siano “puliti” è ragionevole pensare che anche i file creati e modificati con quei programmi siano altrettanto “puliti”, senza doverli scansionare ogni volta appesantendo il sistema. Per il monitoraggio dei file è sufficiente la Scansione durante l’apertura (attivata per default).

Un’altra funzione di monitoraggio in tempo reale che può essere disattivata è quella che ricerca i “Programmi potenzialmente non voluti o PUP” (si trova nella scheda Sensibilità, come appare nella figura).

Monitoring Settings 3c

Si tratta di una funzione essenzialmente concepita per gli utenti più distratti, che a volte confermano installazioni di software sul sistema suggerite da alcuni siti web, prevalentemente a scopo promozionale. Un esempio tra i tanti è l’installazione dell’anti-virus McAfee abbinata all’installazione o all’aggiornamento di Adobe Flash Player. La regola generale sarebbe piuttosto quella di rifiutare sempre questo tipo di installazioni “suggerite”, che il più delle volte sono inutili se non dannose. Personalmente ritengo che ogni utilizzatore di PC dovrebbe mantenere il controllo della scelta del software da installare o rimuovere, senza delegarla ad un software come Avast che se ne occupi al posto suo, impegnando preziose risorse del sistema. Nel caso in cui non si sappia bene che cosa fare in proposito, la cosa migliore è chiedere consiglio ad un buon PC Trainer.

Nel prossimo articolo su Avast Antivirus parlerò della distinzione tra Scansione Veloce e Scansione Approfondita.

Mi occupo di sviluppo e messa a punto di sistemi informatici basati su software open-source, gratuito o a basso costo. Ritengo sia possibile ottenere risultati di eccellente livello, in termini di qualità e produttività, a costo zero per quanto riguarda il software ed a costi contenuti per quanto riguarda l'hardware. Attualmente mi dedico alla messa a punto di sistemi informatici basati sul sistema operativo open-source Linux, usando le versioni più accessibili e di facile utilizzo (Ubuntu, Mint, ecc.). Ritengo che Linux possa essere proposto a tutti come una validissima alternativa gratuita a Microsoft Windows, anche in ambiti professionali. Sul versante del web mi dedico in particolare all’utilizzo in chiave professionale dei numerosi strumenti gratuiti offerti dal Mondo Google, che non è solo Posta elettronica (Gmail) ma molto altro.

Pubblicato su Anti-virus

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Chi sono

Fabrizio Manizza

PC Trainer

Profilo Linkedin Profilo Facebook Invio E-mail Info
Siti correlati:
SENIGALLinux.it
Sostienimi
Se hai trovato davvero utile qualcuno di questi articoli, potresti sostenere il mio progetto con una: Fai una Donazione
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: